Connect with us

Settore giovanile

Sydney: Chiti d’argento e Sodi di bronzo

Lo Skeet conclude il programma dell’Issf Junior World Cup e premia i due toscani con importanti piazzamenti: in collaborazione con Elia Sdruccioli gli azzurrini di Andrea Filippetti centrano l’oro a squadre

Podio per due terzi azzurro nella gara individuale di Skeet all’Issf Junior World Cup di Sydney: alle spalle del cinese Xuyang Dou, Matteo Chiti conquista la medaglia d’argento e Niccolò Sodi si appropria di quella di bronzo. E se questa volta, diversamente da quanto accaduto nella Fossa Olimpica, nello Skeet non matura un oro individuale (nella gara femminile Giada Longhi si è fermata al quarto posto), provvedono nel concorso per nazioni gli azzurrini del Tecnico Andrea Filippetti a conquistare la vittoria. Matteo Chiti, Niccolò Sodi e Elia Sdruccioli sono infatti d’oro nella sfida a squadre. E nella “copertina” di questo articolo i tre azzurrini esultano “divorando” le medaglie proprio in compagnia del coach Andrea Filippetti.

L’intera formazione degli azzurrini del Trap e dello Skeet in gara alla Junior World Cup di Sydney con il Presidente della Fitav Luciano Rossi, il Coordinatore del Settore Giovanile Alberto Di Santolo e i due Tecnici Antonello Iezzi e Andrea Filippetti

Ma i tre giovani skeettisti italiani erano stati peraltro impeccabili già nella qualificazione. Sdruccioli aveva guadagnato l’accesso alla finale con il miglior parziale della gara australiana: 121 centri su 125 come l’indiano Anant Naruka. Con 120 “inseguiva” Matteo Chiti e Niccolò Sodi aveva agguantato il treno della finale con 116 centri. In finale faceva la differenza la stellare prestazione del cinese Xuyang Dou che aveva conquistato un posto tra i sei finalisti con 117 centri. Praticamente infallibile, il giovane skeettista della Cina componeva un percorso con pochissimi errori fino dalle prime battute della finale. Ai primi 20 piattelli usciva di scena il britannico George Young, poi era Anant Naruka a dover tornare anzitempo negli spogliatoi. Con 33/40 era quarto Elia Sdruccioli. Niccolò Sodi usciva di scena allo step successivo ed era terzo con 42/50. Restava Matteo Chiti nell’ultimo duello a contrastare il talento pirotecnico del cinese Dou, ma il vantaggio dello skeettista asiatico sull’azzurro toscano era davvero abissale, tant’è che Dou vinceva per 58 a 52 fissando anche il nuovo record planetario della categoria.

Il nuovo libro di Renato Lamera

Video lezioni di tiro

Le video lezioni di tiro

Cookie e Privacy policy

Privacy Policy

ammadv

More in Settore giovanile